@Anfolsi / leoanfolsi.com / leonardoanfolsi@gmail.com   –   naturopatia: renascencehealth.com

BIOGRAFIA FOTOGRAFICA

Leonardo Anfolsi è Ministro di Culto di Buddhismo Zen del Lignaggio Rinzai ed è riconosciuto dalla Stato Italiano. Fu ordinato monaco nel 1981 col nome Reiyō, designato come Maestro di Meditazione nel 2001 e quindi come Maestro di Dharma nel 2013. Ora continua il suo insegnamento in Italia e in Europa ricevendo il secondo nome Ekai 恵海. È stato formato dal Maestro Engaku Taino sotto l’egida del Maestro Taishitsu Yamada Mumon, fondatore del tempio Zenshinji (Colline di Scaramuccia – Orvieto) e preside dell’Università Imperiale Hanazono, il quale ha ricevuto ritualmente Leonardo Anfolsi, quando era un giovane monaco.

È stato riconosciuto come Maestro anche dal Lama tibetano il XXII Gomo Tulku Sonam Rinchen. Ha frequentato l’insegnamento segreto di Maestri come Kalu Rimpoche (1905-1989), Chőgyal Namkhai Norbu R. (1938-2018), Tenzin Namdak R.; ha ricevuto i sei Yoga di Naropa da S. S. il Dalai Lama in Dharmasala nel 1990. Ha svolto numerosi ritiri in solitaria, in tutto il mondo, per sviluppare i metodi ricevuti.

Come scrittore il suo esordio avvenne con una autobiografia spirituale in chiave umoristica (Bananananda 1989), un best seller curato e edito da Franco Battiato, L’Ottava edizioni; condivise quella collana – distribuita da Longanesi – col premio nobel Natsume Soseki, con testi della tradizione scritturale sufica e i testi ormai classici di Gurdjieff. Continua la sua opera di scrittore con testi sempre sullo zen e la meditazione per Fontana Editore: “Zen Naikan” – “A Commentary on the Diamond Sutra” (assieme al M° Engaku Taino) – Il Fuoco Segreto della Meditazione – e quattro numeri della rivista “NitroGeno”, una rivista di alchimia operativa.

Accanto allo Zen insegna diverse tecniche fra le quali la tradizionale ZenNaikan, come anche MindMastery. MindMastery, raccoglie tecniche per potenziare la mente, mentre lo ZenNaikan consta delle tecniche segrete dei monaci zen rinzai cinesi e giapponesi, in particolare insegnate da Hakuin Ekaku.

Insegna meditazione e Buddhismo nella scuola media, attività che svolge in Italia ed ha svolto negli USA.

Ha frequentato Corallo Reginelli, del leggendario “Gruppo di Ur”, avendo da lui racconti e spiegazioni inaspettate a riguardo di Evola, Reghini, Scaligero, Colazza e altri. L’esperienza di conoscere un uomo occidentale al contempo così anziano, così forte, luminoso e saggio è stata una esperienza unica, che ha del tutto scardinato l’idea politicizzante che i più hanno di quel sincero movimento esoterico e letterario. L’incontro col novantenne “Corallo”, che definiva se stesso “Il Lanciafiamme”, ha portato a scoperte inaspettate nell’attribuzione degli ieronimi del gruppo, avendogli questi confessato di avere scritto anche come “Arom” il più indimenticabile e delicato intervento di quegli eccezionali volumi.  

Si è formato fin dagli anni ottanta come esperto in naturopatia, attività che connette al Ministero di Culto. Negli anni novanta fu chiamato a dirigere la sezione terapeutica dell’Associazione Naturista Bolognese, la struttura di vita naturale più seguita, articolata e avanzata d’Europa, una realtà pionieristica per quei tempi che consacrò diversi protagonisti della cultura fisica, dello Yoga, della filosofia e della medicina d’oggi.

È Legale Rappresentante e grazie a ciò Trustee, ovvero amministratore di un trust autodichiarato di tipo Jersey, un ufficio giuridico che gli permette di agire in modo extraterritoriale per quanto riguarda i propri diritti – dipendenti solo dalle leggi internazionali – e in termini tributari, risultando come non-imponibile, nei confronti dello STATO. È Persona Giuridica. In base a ciò ha ricevuto dalla Agenzia delle Entrate uno specifico codice fiscale 54-Trust relativo a organismi ed organizzazioni Extraterritoriali (990000) e da ciò il codice EORI.

Ha collaborato con artisti e imprenditori formandoli e interagendo con loro e, in un caso, collaborando ad una pubblicazione: Opera Unica, scritto assieme a Marco Bagnoli, Alessandro Magini e il curatore d’arte Sergio Risaliti, Mondadori Arte Electa 2016.

Ha partecipato come artista nello spazio espositivo dedicato alla celebrazione di Joseph Beuys all’Arsenale, alla Biennale di Venezia del 2007, invitato da Marco Bagnoli e Lucrezia De Domizio Durini come poeta, ed ha partecipato a diverse performance d’arte sacra come “scultore sociale”, all’interno di opere di Marco Bagnoli.

Vive sull’Appennino Tosco-Emiliano con la compagna e organizza sesshin/ritiri mensili di meditazione.

link abbreviato: https://bit.ly/cv_bio